Vaccini Covid-19 a confronto: Moderna, Pfizer, AstraZeneca e Janssen

Facciamo una panoramica dei 4 vaccini finora approvati in Europa dall’EMA (Moderna, Pfizer, AstraZeneca, Janssen), cercando di metterne a nudo le differenze, pregi e difetti

coronavirus moderna pfizer astrazeneca janssen

La pandemia da Coronavirus non accenna ad arrestarsi ma, per fortuna, le categorie più fragili della popolazione mondiale possono ora contare su una serie di vaccini che assicurano una protezione anti Covid-19 e immunità al virus. Ci sono però delle differenze, analizziamole insieme.

Janssen è il quarto vaccino che ha ricevuto da parte di EMA la raccomandazione per l’autorizzazione al commercio condizionata. Al momento i vaccini anti Covid-19 presenti in Europa ed Italia, approvati dall’EMA (Agenzia Europea dei Medicinali) e confermati dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) sono i seguenti 4, enunciati in ordine temporale di approvazione:

  • Comirnaty di Pfizer-BioNtech (22 dicembre 2020)
  • Moderna (6 gennaio)
  • AstraZeneca o Vaxevria (29 gennaio)
  • Janssen di Johnson & Johnson (11 marzo)

L’Italia, in base agli accordi stipulati, potrà contare sulla disponibilità di oltre 242 milioni di dosi.

Chiaramente io non essendo un professionista del settore, tratterò l’argomento da un punto di vista scientifico-giornalistico, avvalendomi dei contribuiti dei maggiori esperti internazionali nella materia (scienziati, ricercatori), dall’OMS all’EMA, dall’AIFA al Ministero per la Salute. Mi limiterò quindi ad un’esposizione dei fatti in modo oggettivo, evitando d’inoltrarmi in rischiose suggestioni personali per lasciare a voi, tutte le eventuali valutazioni.


Il vaccino: come si sviluppa l’immunità

Quando un agente patogeno infetta il corpo, le difese del nostro corpo, chiamate sistema immunitario, vengono attivate e l’agente patogeno viene attaccato, distrutto o superato.

Un agente patogeno è un batterio, virus, parassita o fungo che può causare malattie all’interno del corpo. Ogni agente patogeno è composto da diverse sottoparti, solitamente uniche per quel patogeno specifico e la malattia che provoca. La sottoparte di un agente patogeno che causa la formazione di anticorpi è chiamata antigene.

Abbiamo migliaia di anticorpi diversi nel nostro corpo. Quando il corpo umano viene esposto per la prima volta a un antigene, ci vuole tempo prima che il sistema immunitario risponda e produca anticorpi specifici per quell’antigene.

 

immune vaccine

I vaccini contengono parti indebolite o inattive di un particolare organismo (antigene) che innesca una risposta immunitaria all’interno del corpo. I vaccini più recenti contengono il modello per la produzione di antigeni piuttosto che l’antigene stesso. Indipendentemente dal fatto che il vaccino sia costituito dall’antigene stesso o dal modello in modo che il corpo produca l’antigene, questa versione indebolita non causerà la malattia nella persona che riceve il vaccino, ma spingerà il suo sistema immunitario a rispondere tanto quanto avrebbe sulla sua prima reazione al vero agente patogeno.

vaccine immune development

Una volta che il corpo produce anticorpi nella sua risposta primaria a un antigene, crea anche cellule di memoria (linfociti), che rimangono in vita anche dopo la sconfitta dell’agente patogeno e sono pronte a pompare di nuovo gli anticorpi nel caso si ripresenti quel virus.


Tipo di vaccini anti Covid-19 e funzionamento

Il Sars-Cov-2 è un virus a RNA della famiglia delle Coronaviridae che codifica 4 proteine. La proteina S (spike) è una di queste e rappresenta il mezzo con cui il virus si ancora alle cellule dell’ospite ed è inoltre considerata il principale target antigenico del virus. La maggior parte dei vaccini realizzati e quelli ancora in corso di studio hanno come obiettivo l’immunizzazione del soggetto vaccinato tramite la produzione di anticorpi neutralizzanti questa proteina.

I vaccini autorizzati per l’uomo sono stati tradizionalmente virus vivi attenuati (es. Morbillo, parotite, rosolia), virus inattivati ​​(es. Vaccino antipolio inattivato) proteine ​​o vaccini a subunità coniugati con polisaccaridi (proteine: pertosse acellulare, epatite B; polisaccaride coniugato: pneumococco, meningococco), e particelle simili a virus. Nell’ultimo decennio è stata sviluppata una gamma di nuove piattaforme tecnologiche che includono vaccini composti da acido nucleico (DNA e RNA) e vettori virali e proteine ​​ricombinanti.

Riepilogo delle caratteristiche generali dei vaccini anti-COVID19:

  • vaccini basati su acidi nucleici (mRNA o DNA)
  • vaccini a virus inattivato
  • vaccini a virus attenuato
  • vaccini a subunità proteiche
  • vaccini a vettore virale (adenovirus umano o di scimpanzé

Vaccini basati su acidi nucleici (mRNA o DNA)

I primi vaccini a ricevere l’approvazione per la commercializzazione sono stati anche i più innovativi per via del loro funzionamento. Moderna e Pfizer, utilizzano un nuovo approccio alla vaccinazione.

I vaccini a mRNA sono di sintesi e non di estrazione, utilizzano le sequenze nucleotidiche copiate dal mRNA del patogeno e che, una volta entrate nelle cellule dell’ospite tramite meccanismo di endocitosi, inducono la trascrizione della proteina S. La sintesi della proteina S stimola l’attivazione linfocitaria con conseguente produzione di anticorpi neutralizzanti.

Invece di un virus, un antigene proteico o un virus che esprime proteine, s’​​inietta l’acido nucleico che codifica per l’antigene:

  • DNA plasmide: entra nel nucleo, si traduce in RNA per l’espressione della proteina
  • o mRNA. Più diretto (nessuna traduzione richiesta) ma meno stabile del DNA

In pratica i due vaccini inviano attraverso l’RNA un set di istruzioni temporaneo per far si che la cellula produca una proteina (in questo caso la Spike) atta a stimolare il sistema immunitario.


Pfizer – BioNTech (BNT162b2)

Pfizer (USA) e BioNtech (Germania) hanno anche sviluppato una serie di vaccini COVID-19 basati su mRNA. Il prescelto, nominato BNT162b2, un vaccino mRNA modificato con nucleosidi formulato con nanoparticelle lipidiche, ha suscitato anticorpi neutralizzanti, con effetti collaterali per lo più lievi (dolore al sito di iniezione, affaticamento, mal di testa, brividi, dolore muscolare e dolore articolare).

BNT162b2 richiede la conservazione a -80 ° C, un fatto che potrebbe porre problemi logistici.


Moderna (mRNA-1273)

Moderna e il National Institutes of Health hanno sviluppato congiuntamente un vaccino basato su mRNA (mRNA-1273) costituito da un mRNA ottimizzato in sequenza che codifica la glicoproteina spike incapsulata in nanoparticelle lipidiche.

Un potenziale problema per la distribuzione del vaccino è che è richiesta una temperatura di conservazione di –20 ° C.


Vaccini a vettore adenovirale

I vaccini a vettore virale, come quello sviluppato da AstraZeneca e J&J, utilizzano una versione modificata di un virus diverso (il vettore) per fornire importanti istruzioni alle nostre cellule.

Un virus come il morbillo o l’adenovirus è geneticamente modificato in modo da poter produrre proteine ​​del coronavirus nel corpo. Questi virus sono indeboliti e quindi non possono causare malattie. Esistono due tipi: quelli che possono ancora replicarsi all’interno delle cellule e quelli che non possono perché i geni chiave sono stati disabilitati.

Queste le fasi di funzionamento del vaccino:

  • In primo luogo, il vettore (non il virus che causa COVID-19, ma un virus diverso e innocuo) entra in una cellula del nostro corpo che utilizzerà per produrre una parte innocua del virus COVID-19: la proteina spike.
  • Successivamente, la cellula mostra la proteina spike sulla sua superficie e il nostro sistema immunitario riconosce che non vi appartiene. Questo fa sì che il nostro sistema immunitario inizi a produrre anticorpi e ad attivare altre cellule immunitarie per combattere quella che pensa sia un’infezione.
  • Alla fine del processo, i nostri corpi hanno imparato a proteggerci da future infezioni con il virus che causa COVID-19. Il vantaggio è che otteniamo questa protezione da un vaccino, senza mai dover rischiare le gravi conseguenze di ammalarci di COVID-19.

Appartengono a questa tipologia di vaccini, a vettore virale non replicabile del tipo adenovirus, due vaccini approvati prima dall’EMA e successivamente dall’AIFA: Astrazeneca o Vaxevria e l’ultimo arrivato Janssen di J&J. Entrambi hanno il vantaggio di potersi conservare a temperature non estreme tipiche dei frigoriferi domestici, ma Janssen può vantare, invece delle due consuete, un’unica dose per ottenere l’immunità.


AstraZeneca (o Vaxevria)

L’Università di Oxford (Oxford, Regno Unito) e AstraZeneca (UK) hanno sviluppato un vaccino sperimentale a vettore di adenovirus di scimpanzé (ChAdOx1 / AZD1222) che codifica per la glicoproteina spike di SARS-CoV-2.

Il vaccino contro il COVID-19 di AstraZeneca non contiene alcun virus SARS-CoV-2 vivo e non può causare il COVID-19. Contiene il codice genetico di una parte importante del virus SARS-CoV-2 chiamata proteina spike. La proteina spike è stata inserita in un innocuo virus del raffreddore comune ‘portatore’ (un adenovirus). L’adenovirus portatore conduce la proteina spike nelle cellule in modo che possano leggerla e creare copie della stessa.

Il sistema immunitario, quindi, apprende come riconoscere e combattere il virus SARS-CoV-2. L’adenovirus è stato modificato in modo da non potersi replicare una volta che è all’interno delle cellule. Questo significa che non può diffondersi ad altre cellule e causare un’infezione.

Vaxevria protegge contro l’infezione causata dal nuovo coronavirus. Stando agli studi, due settimane dopo la seconda dose, il 60% dei soggetti vaccinati è protetto contro il coronavirus. La protezione sembra tuttavia essere più alta se l’intervallo tra le due dosi è di 9 o più settimane.

Nella stragrande maggioranza dei casi le reazioni avverse sono state lievi o moderate. Meno del 5% dei soggetti vaccinati ha manifestato reazioni avverse che non sono pericolose, ma che durante la loro breve durata hanno tuttavia un impatto sulla vita di tutti i giorni.

Non dovreste ricevere questo vaccino se avete avuto anafilassi (un tipo di grave reazione allergica) a una dose precedente dello stesso vaccino contro il COVID-19, oppure successivamente all’esposizione.


Janssen – Johnson & Johnson

Janssen è l’ultimo vaccino anticovid , in ordine di tempo, ad essere approvato in Europa. L’AIFA ha confermato la valutazione dell’EMA sull’efficacia del vaccino che nelle forme gravi arriva fino al 77% dopo 14 giorni dalla somministrazione e all’85% dopo 28 giorni dalla somministrazione.

 

Johnson & Johnson, con il suo vaccino, mette in atto la rivoluzione della dose singola: basta infatti una sola iniezione per immunizzarsi dal coronavirus. “Si tratta del quarto vaccino presto a disposizione con l’importante vantaggio aggiuntivo di una sola dose e della facilità di somministrazione, ideale quindi per il setting dei medici di famiglia. Da metà aprile, una importante realtà”, ha commentato il Direttore Generale dell’AIFA, Nicola Magrini.

Questo vaccino, che richiede la conservazione a temperature comprese tra 2–8 ° C, può essere conservato in un normale frigorifero.


Ingredienti (non medici) dei vaccini, a confronto

È importante esaminare attentamente questo elenco poiché alcune persone potrebbero essere allergiche a questi ingredienti, tra cui il polietilenglicole (PEG) e il polisorbato 80 e / o la trometamina. Tuttavia, questi raramente causano reazioni allergiche.

Il glicole polietilenico (PEG) si trova in prodotti come farmaci, prodotti per la preparazione dell’intestino per colonscopia, lassativi, sciroppi per la tosse, cosmetici, creme per la pelle, prodotti medici usati sulla pelle e durante le operazioni, dentifricio, contatto lenti e soluzioni per lenti a contatto. Il polietilenglicole si trova anche negli alimenti o nelle bevande, ma non è noto che causi reazioni allergiche da cibi o bevande. Il polisorbato 80 si trova in preparati medici (come oli vitaminici, compresse e agenti antitumorali) e cosmetici. La trometamina è un componente dei mezzi di contrasto, dei farmaci orali e parenterali.

Per una lista più esauriente delle caratteristiche dei singoli vaccini, si rimanda al portale del Ministero della Salute. (Portale Piano vaccini anti Covid-19)


Consigli e raccomandazioni (dell’EMA)

Al momento non sappiamo quanto sono efficaci i vaccini contro il COVID-19 nel prevenire la diffusione del virus. Questo significa che il SARS-CoV-2 potrebbe potenzialmente comunque contagiare una persona vaccinata. Anche se non presenta sintomi o ha solo sintomi molto lievi, potrebbe comunque trasmettere il virus ad altri. Ecco perché è importante continuare a mantenere altre misure preventive, ad esempio:

  • distanziamento fisico
  • lavaggio delle mani
  • indossare una maschera per il viso
  • test per il COVID-19 e quarantena/isolamento come richiesto dal proprio stato/territorio.

Se siete stati vaccinati con due dosi del vaccino contro il COVID-19 di AstraZeneca, dovreste comunque sottoporvi a un test per il COVID-19 se avete sintomi che soddisfano i criteri determinati dalle vostre autorità sanitarie locali (ad es. febbre, tosse, mal di gola).

Notizia di questi giorni, è che anche l’Italia presto avrà un suo vaccino. È infatti approdato alla fase II di sperimentazione sull’uomo il GRAd-COV2, candidato vaccino italiano contro SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Realizzato, prodotto e brevettato dalla società biotecnologica italiana ReiThera, in collaborazione con l’ospedale Spallanzani di Roma. Il vaccino funzionerà con un vettore virale adenovirus, come Astrazeneca e Janssen.

Per approfondire:

Pubblicato da eco_logico

Ecologico vuole essere un portale onesto. Che si sedimenta nel tempo, nel cuore e nelle menti. Un’informazione vera e genuina, che non cede di fronte alle lusinghe della velocità del web e dell'estetica ad ogni costo.