Nuovo APE: tutte le novità del Dlgs 48/2020

Grandi novità per l’Attestato di Prestazione Energetica: metodi di calcolo, requisiti professionali, sanzioni, sopralluogo obbligatorio, catasto degli APE.

Attestato di Prestazione Energetica, novità 20200

Novità importanti per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE). È stato infatti pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 10/06/2020, n.48 che modifica il D.Lgs. 192/2005, attuando così la Direttiva UE n. 844 del 30/05/2018 sulla prestazione energetica degli edifici.

Questo aggiornamento normativo va nella direzione generale di ridurre il consumo di energia necessaria a soddisfare il fabbisogno energetico associato all’uso normale degli edifici. L’Unione Europea, si è infatti impegnata a elaborare un sistema energetico sostenibile, competitivo, sicuro e decarbonizzato entro il 2050 (Agenda 2030). Per raggiungere tale obiettivo, gli Stati membri e gli investitori devono dotarsi entro il 2050 di misure tese a raggiungere l’obiettivo di lungo termine relativo alle emissioni di gas a effetto serra e a decarbonizzare il parco immobiliare, cui è riconducibile circa il 36 %di tutte le emissioni di CO2 nell’Unione.

Ricordiamo che l’Attestato di Prestazione Energetica o APE, è obbligatorio per poter accedere agli incentivi fiscali per l’efficientamento energetico degli edifici, sottoforma di ecobonus (dal 50 all’85%) o superbonus (110%). Il certificato deve essere rilasciato da un tecnico abilitato.

Vediamo insieme tutte le novità previste dalla nuova normativa entrata subito in vigore.


APE o Attestato di Prestazione Energetica

Prima di passare in rassegna le novità e modifiche introdotte dal DLgs 48/2020, introduciamo brevemente l’Attestato di Prestazione Energetica, servendoci delle definizioni presenti all’art.2 del DLgs 192/2005 e s.m.i.

La «prestazione energetica di un edificio» è la quantità annua di energia primaria effettivamente consumata o che si prevede possa essere necessaria per soddisfare, con un uso standard dell’immobile, i vari bisogni energetici dell’edificio, la climatizzazione invernale e estiva, la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari, la ventilazione e, per il settore terziario, l’illuminazione, gli impianti ascensori e scale mobili.

Attestato di Prestazione Energetica o APE

L’attestato di prestazione energetica dell’edificio è un documento rilasciato da esperti qualificati e indipendenti che attesta la prestazione energetica di un edificio attraverso l’utilizzo di specifici indicatori e fornisce raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica.

La classe energetica è contrassegnata da un indicatore alfabetico in cui la lettera G rappresenta la classe caratterizzata dall’indice di prestazione più elevato (maggiori consumi energetici), mentre la lettera A rappresenta la classe con il miglior indice di prestazione (minori consumi energetici).


Le novità per l’APE

Le modifiche agli art. 4 e 6 del DLgs 192/2005, ad opera rispettivamente degli art. 6 e 9 del DLgs 48/2020, introducono una serie di novità per l’Attestato di Prestazione Energetica.

Le principali innovazioni risiedono nel metodo di calcolo che cambierà solamente una volta definito con successivo decreto dal Mise e annesso studio d’impatto energetico/economico/amministrativo ad opera di ENEA e CTI. Al momento resta invariato. Stessa sorte per quanto riguarda l’aggiornamento dei requisiti professionali dei tecnici abilitati all’attestazione energetica.

Per quanto riguarda l’aspetto sanzionatorio, le pene si inaspriscono per i contratti di locazione sprovvisti di APE. In questo caso la sanzione passa da un minimo di 300 a 1.000 euro, toccando un picco massimo di 4.000 euro (prima era 1.800). Restano invariate le ammende già elevate per le nuove costruzioni, le ristrutturazioni e i contratti di compravendita, mancanti di attestato.

Altra importante variazione sarà nel format dell’attestato che, prevederà una specifica postilla dove andrà inserita la data del sopralluogo obbligatorio. E sarà accompagnata da un apposito verbale firmato dal proprietario che ne attesterà così l’avvenuta incombenza.

Viene inoltre specificato che ogni modifica del sistema tecnico dell’edificio (impianti di climatizzazione, produzione acs, pannelli fotovoltaici e domotica) che provoca un cambiamento della classe energetica, necessita di una nuova APE.

Infine, viene rafforzata la volontà di instituire un catasto energetico nazionale.


Metodi di calcolo e requisiti professionali

Il DLgs 48/2020 in vigore dall’11 Giugno, rimanda a uno o più decreti successivi, ad opera del Ministro dello sviluppo economico (MiSE), la definizione delle modalità applicative della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e l’uso delle fonti rinnovabili negli edifici, in relazione all’allegato I della direttiva 2010/31/UE e successive modificazioni, sulla prestazione energetica nell’edilizia.

La nuova metodologia di calcolo sarà subordinata ad uno studio – ad opera di ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e il Comitato Tecnico Italiano (CTI) – sottoposto al Mise, che evidenzi l’impatto energetico, economico e amministrativo dell’adeguamento normativo.

Sono inoltre aggiornati i requisiti professionali e i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l’indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare l’attestazione della prestazione energetica degli edifici.


Compravendita e locazione: APE obbligatorio e sanzioni

L’art.9 del DLgs 48/2020, va a sostituire integralmente il comma 3 dell’art. 6 DLgs 192/2005, che riguarda la posizione dell’APE rispetto alle compravendite immobiliari e locazioni.

Già il decreto del 2005 prevedeva che l’attestato di certificazione energetica (dal 2015 in poi, di prestazione energetica) fosse allegato all’atto di compravendita dell’immobile, o consegnato in copia dal proprietario, nel caso di locazione, pena la nullità del contratto. La successiva legge 90/2013 inserisce pesanti sanzioni, che il presente DLgs 48/2020, inasprisce ulteriormente (pene più severe per i contratti di locazione sprovvisti di APE).

Il comma 3 dell’art.6 del DLgs 192/2005, viene sostituito dal seguente: “Nei contratti di compravendita immobiliare, negli atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso e nei nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari soggetti a registrazione è inserita apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore dichiarano di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici; copia dell’attestato di prestazione energetica deve essere altresì allegata al contratto, tranne che nei casi di locazione di singole unità immobiliari.”

Attestato di Prestazione Energetica compravendita locazione

In caso di omessa dichiarazione o allegazione, se dovuta, le parti sono soggette al pagamento, in solido e in parti uguali, della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 3.000 a euro 18.000; la sanzione è da euro 1.000 a euro 4.000 per i contratti di locazione di singole unità immobiliari e, se la durata della locazione non eccede i tre anni, essa è ridotta alla metà. 

Il pagamento della sanzione amministrativa non esenta comunque dall’obbligo di presentare alla Regione o provincia autonoma competente l’attestato di prestazione energetica entro quarantacinque giorni. Sarà la stessa Regione, e non più il Ministero dello Sviluppo Economico ad accertare l’eventuale infrazione e la relativa sanzione.


Data e verbale del sopralluogo obbligatorio

Già con il Decreto Ministeriale del 2015, era stata introdotta l’obbligatorietà del sopralluogo da parte del professionista: “il soggetto abilitato che redige l’APE, deve effettuare almeno un sopralluogo presso l’edificio o l’unità immobiliare oggetto di attestazione, al fine di reperire e verificare i dati necessari alla sua predisposizione.” Ma, ora, questo va annotato sull’attestato, nero su bianco, con data e allegato ad un verbale firmato del proprietario.

Ricordiamo che l’attestato di prestazione energetica comprende tutti i dati relativi all’efficienza energetica dell’edificio che consente ai cittadini di valutare e confrontare edifici diversi. Tra tali dati sono obbligatori:

  • la prestazione energetica globale dell’edificio sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile, attraverso i rispettivi indici;
  • la classe energetica determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale dell’edificio, espresso in energia primaria non rinnovabile;
  • la qualità energetica del fabbricato a contenere i consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento, attraverso gli indici di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale ed estiva dell’edificio;
  • i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di efficienza energetica vigenti a norma di legge;
  • le emissioni di anidride carbonica;
  • l’energia esportata;
  • le raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente convenienti, separando la previsione di interventi di ristrutturazione importanti da quelli di riqualificazione energetica;
  • le informazioni correlate al miglioramento della prestazione energetica, quali diagnosi e incentivi di carattere finanziario;

In aggiunta a questi dati, il dlgs 48/2020 ha reso obbligatorio l’inserimento, nell’Attestato di Prestazione Energetica, “della data del sopralluogo obbligatorio e del relativo verbale sottoscritto dal proprietario dell’immobile o un suo delegato” (modifica all’art. 6, D. Lgs.192/2005).

data sopralluogo obbligatorio ape

Non più quindi un semplice atto di assenso, com’era previsto dalla standard dell’attestato in vigore da Ottobre 2015, ma nel nuovo APE troveremo uno spazio apposito dove apporre la data del sopralluogo obbligatorio. Questa precisazione, sommata al verbale sottoscritto dal proprietario dell’immobile, renderà difficile la prassi, ormai consolidata, di redazione dell’APE per corrispondenza, a poche decine di euro, disponibili anche su Groupon. Con miglioramenti (speriamo) per la qualità di lavoro del Professionista e un corrisposto economico dignitoso.

È utile ricordare che il non rispetto di questi parametri, rappresenta un atto illecito. Il professionista qualificato che non rispetta i corretti criteri nella redazione dell’APE (anche il sopralluogo), incorre in una sanzione amministrativa compresa tra 700 e 4.200 euro, oltre ai provvedimenti disciplinari dei rispettivi ordini o collegi professionali.


Sistema tecnico per l’edilizia

Il DLgs 48/2020 afferma che “Quando un sistema tecnico per l’edilizia è installato, sostituito o migliorato, è analizzata la prestazione energetica globale della parte modificata e, se del caso, dell’intero sistema modificato. I risultati sono documentati e trasmessi al proprietario dell’edificio, in modo che rimangano disponibili e possano essere utilizzati per la verifica di conformità ai requisiti minimi di cui al presente decreto e per il rilascio degli attestati di prestazione energetica. In tali casi, ove ricorra quanto previsto al comma 5, è rilasciato un nuovo attestato di prestazione energetica.”

Ma cosa si intende per “sistema tecnico per l’edilizia”? ce lo spiega bene la Direttiva 2018/844/UE che modifica la Direttiva 2010/31/Ue sulla prestazione energetica degli edifici (EPBD): “apparecchiatura tecnica di un edificio o di un’unità immobiliare per il riscal­damento o il rinfrescamento di ambienti, la ventilazione, la produzione di acqua calda per uso domestico, l’illuminazione integrata, l’automazione e il controllo, la produzione di energia elettrica in loco o una combinazione degli stessi, compresi i sistemi che sfruttano energie da fonti rinnovabili

Quindi, per ogni modifica all’edificio che include, impianti di climatizzazione, produzione acs, pannelli fotovoltaici o energia da altre fonti rinnovabili e sistemi di automazione e controllo (domotica), va analizzata la prestazione energetica della parte modificata e, se sussiste una sostanziale variazione della prestazione energetica dell’edificio, con salto di classe, va redatto un nuovo APE.

L’attestato di Prestazione Energetica, infatti, secondo le linee guida del DM 26 Giugno 2015, “ha una validità temporale massima di dieci anni a partire dal suo rilascio ed è aggiornato a ogni intervento di ristrutturazione o riqualificazione che riguardi elementi edilizi o impianti tecnici in maniera tale da modificare la classe energetica dell’edificio o dell’unità immobiliare.


Il catasto degli APE

Il decreto 48/2020 puntualizza e rafforza la volontà politica di creare un catasto degli APE, una banca dati nazionale con i dati di tutti gli edifici e le relative prestazioni energetiche che certificano il consumo di energia del patrimonio edilizio sia pubblico, che privato.

Già la legge n. 90/2013 aveva avviato la mappatura energetica del patrimonio immobiliare italiano, inserendo una postilla all’articolo 6, comma 12, per “la definizione di un sistema informativo comune per tutto il territorio nazionale, di utilizzo obbligatorio per le regioni e le province autonome, che comprenda la gestione di un catasto degli edifici, degli attestati di prestazione energetica e dei relativi controlli pubblici.”.

Il Decreto Legislativo 10/06/2020, n. 48, precisa meglio i compiti del catasto energetico: “Il sistema informativo consente la raccolta dei dati relativi al consumo di energia degli edifici pubblici e privati, misurato o calcolato, per i quali è stato rilasciato un attestato di prestazione energetica in conformità del presente articolo”.

catasto energetico attestati ape italia

Il Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, ha tempo 90 giorni per individuare, con un apposito decreto, le modalità di funzionamento del portale, per l’afflusso dei dati del catasto degli APE.

Per approfondire:

Avatar
Avatar

Pubblicato da ecologico

Architetto per caso, creativo per vocazione. Sogna una dimora autocostruita, ecologica, a basso impatto ambientale, fatta di materiali naturali. Prodotta dalla natura, per tutti. Ama la montagna e il trekking. Pioniere del muoversi in bicicletta nel traffico romano, considerato pazzo, o eroe.